Quanto CBD posso svapare?

Detto e premesso che il CBD difficilmente porta a effetti indesiderati per l’uso eccessivo, come già anticipato negli articoli precedenti, ci si potrebbe chiedere: quanto CBD posso svapare? E questo discorso può essere fatto anche sulle nuove e-cig?

Certamente, e potrebbe risultare anche più facile, ecco perché.

Il metodo dello svapo

Tutti i benefici del cannabidiolo si possono trovare anche nell’e-liquid con CBD. Svapare è una più che valida alternativa alla combustione, e questo per due ragioni: secondo molti studi (ancora da confermare fino in fondo), la vaporizzazione riduce i danni alla salute rispetto alla combustione. Inoltre sappiamo che la percentuale d’assorbimento del cannabidiolo è più elevata rispetto alla combustione per ragioni di temperatura.

La vaporizzazione infatti è forse il miglior metodo per non disperdere CBD.

Questo perchè in generale l’inalazione permette un assorbimento molto rapido del principio attivo, che entrerà in circolo direttamente attraverso gli alveoli polmonari. Inoltre, questa modalità mantiene alta la biodisponibilità della sostanza, consentendo l’assorbimento di quasi tutto il CBD inalato, assicurando così di sfruttare al massimo le sue proprietà benefiche.

Quali percentuali di CBD sono disponibili sul mercato?

La vaporizzazione, oltre essere ad un metodo più pratico e (relativamente) meno dannoso, offre quindi la possibilità di consumare più facilmente prodotti concentrati. Alcune e-cig in commercio offrono una percentuale di CBD nella cartuccia che arriva anche fino al 90%, con il restante composto da cannabinoidi secondari o terpeni aggiuntivi.

Una concentrazione così elevata permette quindi di limitare il consumo per ottenere l’effetto desiderato.

Dosaggi ideali

Constatato che grazie all’alta percentuale e il rapido assorbimento, le vape pen possono risultare il miglior metodo per assimilare rapidamente il CBD. Come calcolare quanto ne stiamo assumendo?

Le più famose e-cig in commercio, contengono solitamente dai 2 ai 5ml di prodotto all’interno della propria cartuccia, promettendo dai 300 ai 600 puff.

Conoscendo dunque il rapporto puff/concentrazione (e con una semplice divisione) potremo facilmente regolarci.

Quanto CBD? Ecco come calcolare

In media possono bastare dai 10 ai 100 mg di CBD per rilevare l’effetto. Il range è piuttosto ampio perchè si esprime in funzione della tolleranza di ciascuno.

Ragionando quindi d’avere in mano un e-cig per esempio, contenente 500mg di Cbd e che ci offre sui 5/600 puff, sapremo che ad ogni puff corrisponderà circa 1mg di cannabidiolo.

Con 10 puff avremo dunque assunto mediamente 10mg di CBD.

Starà poi a ciascuno trovare il giusto compromesso di dosaggio giornaliero. Molti consumatori abituali applicano la regola empirica di iniziare con quantità minime e aumentare progressivamente (o diminuire!) fino a raggiungere l’equilibrio desiderato.

Se hai letto fin qui, ti invitiamo a provare le nostre Wpuff per svapare CBD. Contengono 500mg di CBD, fino a 800 puff, sono prive di nicotina (!!) e aiutano il pianeta perchè sono riciclabili al 95%.

weed puff logo

Non perderti nessun articolo!

Non inviamo spam! Leggi la nostra Informativa sulla privacy per avere maggiori informazioni.

ARTICOLI RECENTI

0 commenti

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *